Thursday 25th April 2019,
Portami a teatro

E’ il 4 aprile e mi intervisto da sola

Oggi in occasione del mio “39esimo” compleanno, proprio mentre la mia amica Romina si sposa (o si sposta?) a Palazzo Reale (vedi foto sotto), mi concedo un’intervista in esclusiva con me stessa.

Romina Ripepi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Clizia lei si occupa di teatro di prosa dal 1525, quando Machiavelli le dedicò una commedia, come mai questa scelta?

E’ stata la naturale conseguenza della mia passione per la musica classica e il teatro d’opera.

Qual è lo spettacolo che in questi ultimi mesi, o se preferisce secoli, le ha regalato più emozioni?

Posso mescolare prosa e lirica o devo distinguere?

Puo’ mescolare è il suo compleanno quindi è libera di fare quello che preferisce, ci mancherebbe…

Il recital di Jonas Kaufmann al Teatro alla Scala dello scorso ottobre. Ma anche il Lago dei Cigni con i costumi del premio Oscar Franca Squarciapino. Per la prosa Ferdinando di Arturo Cirillo. E poi La mia vita era un fucile carico di e con Elena Russo Arman. Tra i musical Cats in originale. E poi la Mite di Cèsar Brie.

Qual è lo spettacolo che le ha fatto passare la voglia di andare a teatro?

Sono due: La Merda con la Gallerano e Vita da strega con Bianca Guaccero e Francesco Venditti.

Il suo teatro preferito?

Il Litta perchè ci puoi andare a cavallo

Il talento che ha scoperto e che ora ama

Andrea Cosentino

Lei lavora anche in radio quali sono stati gli ospiti più simpatici?

Maurizio Lastrico perchè ci siamo fidanzati on air e ha annunciato di non fare lo spettacolo per andare alle Bahamas con me e poi Tommaso Amadio e Bruno Fornasari, perchè siamo andati in onda con gli adesivi di Mattia-A Life changing experience sulla fronte ma anche Paolo Briguglia che non ha sentito la sveglia quindi non è venuto in studio e ha rimediato con una telefonica.

I più antipatici o se preferisce i meno disponibili

Filippo Nigro, il giovane Montalbano e Sonia Bergamasco

Cosa non le è piaciuto a teatro?

Alice Redini smutandata da Elio De Capitani in Morte di un commesso viaggiatore, Molto rumore per nulla di Quelli di Grock, il Cirano di D’Elia, Una stanza a sud di Accordino, Il Ballo in maschera di Michieletto

Chi vuole ringraziare per le emozioni vissute a teatro in questi mesi?

Tutta la redazione di Mattino Lombardia e il direttore Luca Levati, la Stefinlongo e Mish Cazzulani. E poi Rita Cicero e Manola, Lorenzo e Maurizio del Manzoni, Valentina Ludovico del Filodrammatici, Veronica Pitea dell’Elfo Puccini, Maurizia Leonelli del teatro della Cooperativa, Isabella Pansera di Bananas, Serena Lietti del Libero, Gaia Calimani del Litta, Gianni Congiu per le sue fantastiche foto e naturalmente Romina Ripepi anche se non si occupa di teatro ma di Estèe Lauder.

Il più bravo in scena?

Elio De Capitani in Frost/Nixon

La più brava?

Elena Russo Arman in Improvvisamente l’estate scorsa

Lo spettacolo che rivedrebbe anche stasera?

Le nozze di Figaro con la regia di Strehler che ho visto all’Opera di Parigi l’anno scorso, con Luca Pisaroni nei panni del Conte d’Almaviva, e per la prosa Ferdinando di Cirillo.

Cosa bolle nelle sue pentole?

Un libro dedicato al teatro d’opera, la mia grande passione, in uscita a novembre 2014, edito da Fondazione Cologni/Marsilio Editore e una simpatica raccolta di recensioni pubblicate su www.sposerosimonleblog.it

I suoi gatti vanno a teatro?

Certo ma solo per vedere Cats e Cat on a Hot Tin Roof.

Cosa ha ricevuto come regalo di compleanno?

I biglietti per Les Troyens di Hector Berlioz al Teatro alla Scala settimana prossima, diretto da Antonio Pappano e con la regia di  David McVicar.

C’è qualcosa che vuole dire al mondo in questo preciso momento?

Viva la sposa!

 

Qui sotto Andrea Cosentino fotografato da Gianni Congiu

Andrea Cosentino

 

 

Like this Article? Share it!

About The Author