Sunday 26th May 2019,
Portami a teatro

I gatti cantano Rossini

Clizia Gurrado 19 gennaio 2015 stage Nessun commento su I gatti cantano Rossini

Qualche sera fa ho incontrato Antonio Salieri. Era senza parrucca, senza scarpe, molto invecchiato, curvo. “Ho sentito i gatti in cortile, cantano tutti Rossini!” – mi ha detto. E ha aggiunto:  “C’è una tale decadenza oggi tra i gatti….”. E Mozart? Non mi ha parlato di Mozart? Sì, certo, mi ha detto di averlo ucciso. E dopo avermi raccontato tutta la storia, partendo dal primo incontro a corte con quel giovane salisburghese che conversava al contrario e si faceva chiamare Trazom, si è tagliato la gola e se ne è andato assolvendo tutti i  mediocri.

E voi avete visto Amadeus di Peter Schaffer diretto da Alberto Giusta?  Lo so, chi  come me ha amato il film di Milos Forman, potrebbe spaventarsi all’idea di una versione teatrale con Tullio Solenghi nei panni del kapelmeister imperiale. Ma confesso di essere uscita dalla Sala Shakespeare di corso Buenos Aires senza traumi. Bei costumi, naturalmente le K di Wolfgang, un’atmosfera decadente, una regia che, se da una parte non poteva non fare il verso alla versione cinematografica dell’84, dall’altra ha saputo trovare spunti originali, divertenti e commoventi, mettendo bene in evidenza il tema dell’Invidia, causa di tutti i mali in questa vicenda viennese. E gli attori? Nessun prodigio del palcoscenico. Del resto come scrive Schaffer: “i prodigi sono insopportabili!”.

 

AMADEUS
di Peter Schaffer
regia di Alberto Giusta
scene e costumi Laura Benzi
con Tullio Solenghi, Aldo Ottobrino, Roberto Alinghieri, Arianna Comes, Davide Lorino, Elisabetta Mazzullo, Andrea Nicolini
luci Sandro Sussi
coproduzione Teatro Stabile di Genova e Compagnia Gank

Like this Article? Share it!

About The Author

Leave A Response