Olivio Argenti. Viaggiare, oltre.

1

di Sarah Palermo

Officine International.it

L’occhio di Olivio Argenti, Presidente del Capitolo Italiano della Royal Photographic Society (CIRPS), “Fellow” della Royal Photographic Society (FRPS) e membro della giuria delle Distinctions della RPS per la categoria “Contemporary”, è un organo che riesce a raccontare.

“Traits d’union”, “Atrapados” , “Losers of a forgotten conflict” sono soltanto alcuni dei progetti fotografici che lo hanno portato in ogni angolo del mondo. Il suo lavoro, dal respiro internazionale, lo ha condotto all’esplorazione di terreni che hanno ispirato collezioni pronte a testimoniare le differenze che coesistono e sussistono nel nostro Pianeta.

“Atrapados” ha rappresentato per Argenti un momento di ricerca attraverso le dure realtà degli istituti di recupero per tossicodipendenti e dei severissimi penitenziari, dove egli si è costituito testimone delle sofferenze vissute fianco a fianco della gioventù dedita alla droga ed alla violenza a Lima. Da questa ricerca è stata pubblicata una raccolta «Atrapados – Violenza in famiglia e condotta deviante dei giovani di Lima» che ha ottenuto la Fellowship Distinction della RPS Royal Photographic Society e che si trova attualmente nella collezione ufficiale del National Media Museum di Bradford.

Un’ulteriore analisi svolta dal 2006 al 2008 in luoghi dalla forte tematica è “Wrestlers and wrestling”, un omaggio alla forza e alla statuaria bellezza degli atleti lottatori giovani e veterani presente in due libri che hanno conseguito l’Associateship Distinction della RPS. I due lavori hanno ricevuto diversi premi internazionali e sono stati esposti presso istituzioni internazionali. Grazie alle sue indagini fotografiche dove appaiono interventi umani ritratti dalla fortissima definizione chiaroscurale del tratto e dall’intima forza del racconto, Olivio Argenti partecipa attualmente, con una trasversale collezione del suo portfolio, a Photissima Art Fair 2013 dal 6 all’11 Novembre 2013 presso l’edificio industriale Manifatture Tabacchi di Torino.

 

 

 

1 commento

Comments are closed.