Thursday 25th April 2019,
Portami a teatro

Un teatro di nome Francesco

Il Centro Francescano Culturale Artistico Rosetum celebra domenica 4 ottobre – festa liturgica di San Francesco – con lo spettacolo Un uomo di nome Francesco. Un’occasione da non perdere per ricordare il Santo di Assisi e allo stesso tempo vivere un importante momento di riflessione a teatro. Lo spettacolo è una commedia religiosa, scritta da Giampiero Pizzol e vede in scena con Valerio Bongiorno, Piero Lenardon, Carlo Rossi e Padre Marco Finco. La regia è di Letizia Quintavalle per una produzione Filarmonica Clown.
‘Bisogna cominciare a fare qualcosa perché fino ad ora non abbiamo fatto niente’.

“Così, con queste parole, concludeva Francesco la sua vita terrena e così ci si sente nel tentare di seguire l’uomo Francesco che spalanca la porta di Cristo” – spiega Padre Marco Finco. “Quel che non si sa si impara!  – continua Padre Marco. “Abbiamo desiderato e tentato di imparare da lui quella semplicità che ti fa affrontare la realtà per quello che è, e non per quello che tu immagini che sia. Un rapporto, questo con la realtà, che non può essere vissuto se non in una amicizia, in una fraternità che accompagna e sostiene. E proprio questo sta all’origine di questo lavoro, di questo “teatro”. Il teatro è finzione, ma questa finzione ci ha riportato continuamente alla realtà”.

Note di regia (di Giampiero Pizzol e Letizia Quintavalla):

Francesco aveva compagni e non seguaci …parevano uomini del bosco, uomini selvatici ma pacifici, austeri e lieti…uomini dalle suole di vento…e la sua vita fu tutto un camminare. Andavano per il mondo a mani vuote come i bambini, senza libri e senza spada, in ogni angolo di mondo, in ogni tempo fino a noi e oltre noi. Francesco d’Assisi, esempio costante di rifiuto del potere, fonda un «codice dei fratelli « al posto del codice paterno. Il codice dell’efficienza è del padre e ha prodotto la possibilità di distruggerci tutti fino all’ultimo uomo. Il codice fraterno può entrare nella

Storia come nascita di rapporti nuovi fra uomini e fra Stati in cui l’onnipotenza distruttiva coincide con l’impotenza. La generosità della sua giovinezza lo porta, passando per una laica primavera, a formulare un programma pazzesco per un movimento che rivoluziona la Storia, e come i movimenti rivoluzionari ha dentro di sé delle ipotesi di infinito e di assoluto, di continua incessante proposta di cambiamento.. Il «codice dei fratelli» si può realizzare perché i fratelli trovano il punto di riferimento esterno a loro: il Vangelo. Francesco cantava il Vangelo e predicava con parole dolcissime in un volgare semplice e spontaneo, si aiutava coi gesti, la mimica, il canto e la musica: era come assistere ad uno spettacolo, ad una commedia religiosa. E’ possibile una commedia religiosa? Come conciliare comico e sacro, saggezza e follia, fede e dubbio? Forse con un teatro candido che cerca altezze metafisiche come quella a cui è arrivato Francesco. Fare i poeti o i mercanti, i ricchi o i mendicanti? Cosa c’è da fare in questo mondo? Cercare la felicità, la verità, cercare Dio, farsi trovare da Lui? Il Vangelo capovolge le regole del gioco: “Perdere tutto, guadagnare tutto. Giocarsi tutto fino a restare nudi e scalzi .” La gioia di non essere mai a casa propria, ma sempre fuori, sfinito, affamato, ovunque nell’esterno del mondo. Francesco fu produttore di cultura e non consumatore o organizzatore perché tutto è dotato di senso nell’amore insensato.

————————————————————————————————————————————–

Da non perdere

Domenica 4 ottobre ORE 21.00

UN UOMO DI NOME FRANCESCO

Teatro Rosetum

Ingresso 12 euro intero
10 euro ridotto
8 euro soci Amici di Rosetum
Per informazioni e prenotazioni:

Tel 02 48707203

info@rosetum.it

Like this Article? Share it!

About The Author

Leave A Response